angelus di miletDove non è presente Gesù o addirittura si disprezza con il rifiuto o con la persecuzione della sua Chiesa, inevitabilmente è presente lo spirito di satana, il quale infonde di continuo o quando è necessario, l’ispirazione giusta per far agire sempre con malizia i cattivi, causando sofferenze nei buoni.

“Maestro, ho portato da Te mio figlio, che ha uno spirito muto. Dovunque lo afferri, lo getta a terra ed egli schiuma, digrigna i denti e si irrigidisce. Ho detto ai tuoi discepoli di scacciarlo, ma non ci sono riusciti”.

Le parole del padre dell’indemoniato descrivono bene come agiscono i diavoli nelle persone che non pregano e non hanno alcuna protezione. In maggior misura non c’è un attacco fisico e visibile agli altri, i diavoli preferiscono agire nel silenzio, senza destare sospetti e continuando ad inoculare nelle persone oramai loro prede, lo stesso spirito demoniaco.

Cosa potranno desiderare queste persone o personaggi? Quello che vuole realizzare satana: la morte o almeno la sofferenza dei buoni!

L’opera di satana è quella di insinuare nell’animo umano pensieri sempre contrari al bene, a desiderare il male altrui, e disobbedire alla Legge di Dio. Infatti, la mancanza di obbedienza al Vangelo è indice di scarsa conversione, per questo Gesù disse al giovane che lo voleva seguire: “Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso…” (Mt 16,24).

GP2 pastoraleLa mancanza di rinnegamento e di ascolto anche dei consigli spirituali dati ai credenti dal Padre spirituale, sono l’evidente manifestazione della volontà di continuare a vivere secondo le proprie abitudini, senza la pratica delle virtù e del rinnegamento. Nella vita di Santa Faustina Kowalska c’è un episodio interessante sull’importanza del Padre spirituale. Lo leggiamo dal suo diario:

«Erano tre giorni che facevo una penitenza per la conversione di un peccatore, quando andai a confessarmi e dissi al Padre spirituale che avevo intrapreso quella mortificazione senza il suo permesso, che consideravo presunto. Pensavo infatti che il Padre spirituale non avrebbe avuto nulla contro di ciò. Invece la risposta che ascoltai fu il contrario, cioè che non dovevo far nulla di mia iniziativa, senza il permesso.

O mio Gesù, ecco ho agito di nuovo a mio arbitrio, ma non perdo il coraggio a causa delle mie mancanze; so bene che sono miseria.

A motivo della salute non ottenni il permesso, ed il Padre spirituale si meravigliò che avessi potuto sottopormi a maggiori mortificazioni senza il suo permesso. Chiesi perdono per il mio comportamento arbitrario, o meglio per aver agito con un permesso presunto e chiesi che mi venisse cambiata quella penitenza in un’altra.

Il Padre spirituale me la cambiò in una mortificazione interiore, invitandomi a riflettere, durante la Santa Messa, al motivo per cui Gesù volle essere battezzato. Quella meditazione non fu una mortificazione per me, dato che pensare a Dio è una delizia, e non una mortificazione; ma in quello c’era la mortificazione della volontà, dato che facevo non quello che piaceva a me, ma quello che mi era stato indicato ed appunto in questo consiste la mortificazione interiore.

Suor FaustinaDopo che mi fui allontanata dal confessionale e cominciai a fare la penitenza, udii queste parole: “Ho concesso la Grazia all’anima, per la quale Mi hai pregato, ma non per la tua mortificazione, quella che ti eri scelta da sola, bensì solo per l’atto di obbedienza totale verso il Mio Sostituto ho fatto Grazia all’anima, per la quale hai interceduto presso di Me e per la quale hai mendicato la Misericordia.

Sappi che quando annienti in te la tua propria volontà, allora la Mia regna in te».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...