Autore: reginamundi

Don Andrea Mingolla

don andrea mingolla

Don Andrea Mingolla è un Sacerdote della Arcidiocesi di Brindisi – Ostuni (diocesi suffraganea della Metropolia di Lecce) originario del comune di Mesagne, paese agricolo che ha dato negli ultimi due decenni tanti preti alla Chiesa brindisina.

Don Andrea è stato Ordinato da Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Rocco Talucci  il 30 Maggio 2010 (vedi foto in basso) : sta quindi per concludere i suoi primi dieci anni di Ministro di Dio.

Auguri di santità a lui, ad i suoi Confratelli mesagnesi ed a tutto il Clero di questa Diocesi del sud italia. Ad multos annos!

TALUCCI ORDINA DON ANDREA MINGOLLA

PADRE TEODORO BROGI, OCD – La Confessione, Sacramento della gioia

padre-teodoro-brogi1

PADRE TEODORO BROGI

Carmelitano Scalzo

Catechesi in ritiro di padre Teodoro dell’Assunta, sulla Riconciliazione- Pubblicato da Vincenzo Di Gloria su YouTube

 

AIUTI PER L’ESAME DI COSCIENZA

 

I dieci comandamenti

Io sono il Signore Dio tuo:

1.       Non avrai altro Dio fuori di me

2.       Non nominare il nome di Dio invano

3.       Ricordati di santificare le feste

4.       Onora tuo padre e tua madre

5.       Non uccidere

6.       Non commettere atti impuri

7.       Non rubare

8.       Non dire il falso

9.       Non desiderare la donna d’altri

10.   Non desiderare la roba d’altri

I precetti della Chiesa

1.       Partecipa alla Messa la domenica e le altre feste comandate e rimani libero dalle occupazioni di lavoro

2.       Confessa i tuoi peccati almeno una volta all’anno

3.       Ricevi il sacramento dell’eucaristia almeno a Pasqua

4.       In giorni stabiliti dalla Chiesa astieniti dal mangiare carne e osserva il digiuno

5.       Sovvieni alle necessità della Chiesa

I sette vizi capitali

1.       Superbia

2.       Avarizia

3.       Lussuria

4.       Ira

5.       Gola

6.       Invidia

7.       Accidia

 

Il peccati che gridano al Cielo.

1.       Omicidio volontario

2.       Peccato impuro contro natura

3.       Oppressione dei poveri

4.       Defraudare la mercede a chi lavora